Call to action

Call to action

Per CTA (Call To Action) s’intende un invito all’azione che deve accompagnare ogni post pubblicato sui social network, i messaggi veicolati attraverso newsletter e i contenuti pubblicati sul sito web.

Se fino a qualche tempo fa la CTA più diffusa era ‘clicca qui‘ seguita dal link che rimandava al contenuto dedicato sul sito web, attualmente si stanno cercando sempre più metodi fantasiosi per portare la propria community ad interagire con i contenuti pubblicati, lavorando proprio sulle call to action.

Ma andiamo con ordine: che cosa è una call to action?

Call to actionCall to action: cosa si intende

La call to action è il primo punto di contatto tra gli utenti e il prodotto / servizio di un’azienda, di un freelance, ecc.: con essa si invita l’utente a compiere un’azione che può essere un acquisto, un download, il recarsi presso un punto vendita e tanto altro.

Le CTA efficaci non spingono in maniera brusca le persone a compiere l’azione ma le guidano verso la soddisfazione dei loro problemi e – di conseguenza – e il raggiungimento degli obiettivi da parte dell’azienda in modo naturale, quasi velato.

Gli inviti all’azione si dividono in due macrocategorie:

  • standard / tradizionali
  • creative

Call To Action standard / tradizionali

Scopri di più e Clicca qui solo le call to action più popolari sul web. Eppure hanno anche dei pregi e vantaggi: sono un porto sicuro perché le persone sono abituate a incontrarle nelle landing page e quindi capiscono subito l’azione che devono compiere.

Pur essendo tanto diffuse da diventare noiose, banali e ridondanti, infatti, queste CTA aiutano chi deve veicolare un messaggio in quei casi in cui è importante far capire con chiarezza all’utente cosa deve fare. Questa è la principale differenza con le call to action creative.

Call To Action creative

Per call to action creative si intendono gli inviti all’azione che ‘escono fuori da gli schemi’ ma che per essere efficaci devono inserirsi perfettamente nel testo.

In questo caso è necessario che il copy sia ben scritto e che i contenuti siano importanti e utili e la CTA coerente con il testo, andando così a soddisfare il bisogno dell’utente che sta leggendo.

Altro metodo è quello di usare delle parole d’acchiappo per formulare CTA creative, ad esempio Guarda gratis per 1 mese, Dona 1 euro in beneficienza, Pianta un albero, Clicca per avere il tuo codice promo, Aggiudicati il tuo sconto, Solo per te contenuti esclusivi. Un’opportunità da sfruttare per attirare gli utenti.

Conclusione

Le call to action possono essere davvero tante e nessuno può dire che quella che si sta utilizzando sia giusta o sbagliata. Solo i dati reali su click e aperture possono dare una panoramica sull’efficacia dell’invito scelto. Per questo, il nostro consiglio è quello di testare più CTA e valutarne i risultati nel breve e nel lungo periodo per scegliere poi quella più adatta.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.